Elenco blog personale

martedì 4 aprile 2017

4 aprile - Magazzino Kamila/Brignano: ogni giorno un colpo dalle società contro i lavoratori



alla c.a. delle redazioni
di seguito il comunicato inviato alla Questura ed organi di controllo competenti

SALI COBAS PER IL SINDACATO DI CLASSE
VIA MARCONI 1 DALMINE

AL SIG QUESTORE DI BERGAMO

Ogni giorno dentro il magazzino Kamila di Brignano consistenti energie vengono destinate dalle società che lo gestiscono per azioni contro i lavoratori sindacalizzati, per costringerli ad abbandonare il sindacato Slai Cobas sc, per far pagare a chi continua a credere che in questo paese la scelta del sindacato sia libera e tutelata, l'alto costo delle discriminazioni sul lavoro, sull'orario o sulla paga.
Dopo gli 11 licenziamenti dei giorni scorsi, e il terribile episodio di giovedì che ha riportato la storia indietro di 200 anni con i lavoratori ammassati per due ore nel magazzino in attesa di essere scelti dai capi, tra quelli che potevano andare al lavoro e quelli che dovevano tornarsene a casa, fattaccio subito denunciato alla DTL, la novità è la soppressione dei fogli turni dalle bacheche, che come dimostra la documentazione in nostro possesso, per tutte le quasi 52 settimane di gestione Cisa, dall'aprile 2016 sono state affisse regolarmente in bacheca al sabato.
con i fogli turni soppressi i lavoratori sono in balia dei capi che li selezionano alle 6.00 di mattina all'ingresso e ne rimandano a casa alcuni, arbitrariamente, 'perchè non in turno'!!!
tutto questo caricando pure sulle spalle dei lavoratori il costo del viaggio, mentre nel magazzino affluiscono ogni giorno squadre di lavoratori non meglio identificati da altri appalti, con una certa frequenza da quello di Basiano chiamato Italtrans/Il Gigante.
I lavoratori continueranno a denunciare questi fatti puntualmente, quotidianamente agli organi competenti, ma con il sindacato stanno preparando nuove iniziative di protesta che fin da ora preannunciamo.
Dalmine 04.04.17
per il sindacato
sergio caprini
3407226074


Nessun commento:

Posta un commento