Elenco blog personale

martedì 11 aprile 2017

11 aprile - BREVE REPORT SULL'ASSEMBLEA UNITARIA SULLA LOTTA DEI LAVORATORI DELLA LOGISTICA DI BRIGNANO - PIANO DI INIZIATIVE



L'assemblea sui licenziamenti repressivi dei lavoratori della logistica di Brignano, di domenica 9 aprile a Milano presso il CS Transiti, indetta dallo Slai Cobas per il sindacato di classe con una lettera aperta al sindacalismo di base e alle realtà sociali, puntando essenzialmente su quelle presenti a Milano e in Lombardia, ha avuto una buona riuscita, sia per le presenze dirette che per quelle che hanno dato il sostegno senza potervi essere (in contemporanea vi era un'assemblea di tipo nazionale del Si.Cobas e altre iniziative).
Erano presenti una folta delegazione dei lavoratori della logistica dì Bergamo in lotta, tra cui alcuni operai e delegati licenziati, i compagni dello Slai Cobas sc di Milano, l'Usb Lombardia, Usi, lavoratori del Si.Cobas, Clash city worker, compagni di Transiti.
All'inizio il responsabile dello Slai Cobas sc di Bergamo ha fatto il punto sulla lotta, il suo lungo percorso con momenti duri nel recente passato, di proteste ma anche di attacchi squadristi da parte di capi, padroncini e gente delle cooperative. Quindi i rappresentanti del coordinamento nazionale dello Slai Cobas sc, nel rilanciare i contenuti della lettera aperta, si sono soffermati sulle caratteristiche di questa repressione, che non è semplicemente una operazione di licenziamento dei lavoratori più attivi nella lotta, ma contiene nelle sue motivazioni un salto di qualità politico che vuole cancellare le lotte dei lavoratori, il sindacato di classe, colpendo anche penalmente con l'accusa di “sabotaggio”. Questo carattere è presente anche nell'attacco al Si.Cobas a Milani, nella lotta a Nogara-Coca cola, nel piano Minniti, visto all'opera contro i migranti e a Roma con la manifestazione del 25 marzo; quindi è stato analizzata la fase dello scontro in corso a Brignano, ma non solo, secondo le “leggi della guerra di classe”, per chiarire che attualmente siamo nella difensiva strategica e l'obiettivo immediato è quello di arrivare all'equilibrio strategico.
E' stato proposto e lanciato un piano di iniziative, su cui poi l'assemblea convergerà - e che sintetizziamo alla fine.
Molto risalto è stato dato in tutti gli interventi sulla centralità attuale della lotta della logistica e sulla necessità dell'unità delle lotte, dei lavoratori e del sindacalismo di base e di classe.

In particolare, il rappresentante dell'Usb Lombardia, nel confermare il sostegno alla lotta dei lavoratori di Brignano, ha allargato l'analisi della fase e ha auspicato che le organizzazioni sindacali di base si uniscano in questa battaglia, anche facendo i necessari passi indietro di “bandiera” e non restando confinati nella propria vertenza, nel proprio territorio. Su questa base ha invitato a guardare al 1° Maggio, proponendo che le realtà della logistica in lotta e colpite aprano il corteo.
Una compagna del Si.Cobas Poste, portando tutta la solidarietà personale e di struttura, ha evidenziato come l'attacco sia generale e ha condiviso la decisione di lavorare insieme, dando in questo il proprio contributo.
L'Usi Milano, nel riaffermare la sua disponibilità ad iniziative, percorsi che potevano essere decisi, ha fatto una similitudine tra le lotte della logistica e le lotte delle ditte di pulizia dove vi sono condizioni di precarietà, di schiavismo e uguale presenza di tanti lavoratori migranti. Poi ha ripreso il tema dell'unità, però criticando e facendo appello a superare certi atteggiamenti di forze che partecipano a lotte unitarie ma poi cercano di appropriarsi delle deleghe dei lavoratori, e nelle iniziative unitarie, non le si concorda e si cerca solo l'egemonia. 
Il CCW che recentemente si è insediato sia a Milano che a Bergamo, prevalentemente con compagne e compagni provenienti dall'esperienza napoletana, ha presentato il suo lavoro e la sua disponibilità a sostenere le iniziative sia a Milano che a Bergamo, e a dare un contributo nell'informazione nazionale sulla lotta e repressione nella logistica.
Dopo questi interventi, con altri interventi, si è passati a proporre e concordare delle iniziative.
Lo Slai Cobas sc ha innanzitutto invitato i compagni a dare un messaggio positivo, quindi a far prevalere lo spirito unitario. 
In questo ha assunto la data del 1° Maggio che veniva proposta; così come la decisione che probabilmente sarebbe venuta dall'assemblea nazionale Si.Cobas di uno sciopero generale nella logistica; quindi ha invitato tutti a partecipare e costruire insieme le ulteriori proposte:
- una manifestazione di rilievo nazionale, soprattutto nord, a Bergamo con presidio/assedio alla prefettura - Il delegato dei lavoratori della logistica, uno dei licenziati, ha insistito perchè questa manifestazione a Bergamo sia del genere di quella di Piacenza in occasione dell'uccisione di Abd Elsalam, mettendo in rilievo anche l'urgenza di ottenere subito dei risultati, a fronte alla condizione dei lavoratori licenziati e delle loro famiglie;
- la preparazione di un appello a sostegno della battaglia legale anche verso avvocati, democratici, per smantellare l'attacco politico che viene fatto a Bergamo con i licenziamenti giustificati come “sabotaggio”;
- portare questa vertenza a Roma al Ministero del Lavoro con un presidio/manifestazione, da realizzarsi indicativamente intorno al 19 maggio.
L'assemblea di Milano, ha discusso brevemente anche sulla repressione a Taranto. 
Ha, infine, raccolto l'appello a sostenere la campagna per gli operai indiani della Maruti, condannati all'ergastolo per la loro lotta.
L'assemblea si è chiusa con i successivi appuntamenti di riunioni a Bergamo, e con la decisione dei lavoratori Slai Cobas sc della logistica di andare in delegazione sia all'assemblea nazionale in corso al CS Vittoria del Si.Cobas, sia all'assemblea pomeridiana della "rete solidale" sul 1° Maggio.

Nessun commento:

Posta un commento